Mike Oldfield | Moonlight Shadow

La voce della cantante Maggie Reilly, nel singolo di successo – Moonlight Shadow.

 

Maggio 1983, la nostra macchina del tempo sugli anni 80, si ferma al singolo di Mike Oldfield cantato da Maggie ReillyMoonlight Shadow -. Il brano ottenne un grandissimo successo in tutta Europa, in Inghilterra si piazzò 4° nella classifica musicale, mentre raggiunse la vetta in Italia, Austria, Svizzera e Norvegia.

Il singolo è incluso nell’album – Crises – ed è considerato il più grande successo di Mike Oldfield, scrittore e compositore inglese, mentre Maggie Reilly, cantante scozzese, è la voce perfetta per le note di Moonlight Shadow.

Una prima versione del pezzo venne chiamata Moonlight Passion e venne interpretata dalla cantante britannica Hazel O’Connor. Per la voce fu anche contattata Enya, ma rifiutò per motivi di contratto e alla fine la scozzese Maggie incise il singolo portandolo nelle Hit di tutti i paesi.

La Virgin, titolare dei diritti, fu entusiasta del pezzo già al primo ascolto, e come dargli torto, visto che ci s’innamora immediatamente di Moonlight Shadow. Il brano è stato più reinterpretato da diversi artisti internazionali negli anni successivi, ma noi preferiamo l’originale degli anni 80, magari inserendo sul giradischi il 45° giri in vinile.

Si è a lungo credutomoonlight-shadow che il testo di Moonlight Shadow facesse riferimento all’omicidio di John Lennon, benché Mike Oldfield in un’intervista del 1985 smentisse, in parte, la notizia. Oldfield dichiarò che la principale ispirazione del brano era il film Il mago Houdini, in cui il protagonista, interpretato da Tony Curtis tentava di contattare il celebre mago dall’aldilà. Tuttavia Mike Oldfield ammise che al momento della composizione del brano si trovava a New York, negli stessi giorni dell’assassinio di Lennon.
La credenza che il brano parlasse di Lennon può essere stata alimentata dal video musicale prodotto per Moonlight Shadow. Nel video infatti, Oldfield interpreta il ruolo di un uomo che viene ucciso da un colpo di pistola, durante un duello.

In Italia la canzone è nota anche per essere stata utilizzata come colonna sonora nei titoli di apertura dei film di Natale Vacanze di Natale e Vacanze di Natale 2000 di Carlo Vanzina, con Christian De Sica e Massimo Boldi.

Non vi resta che guardare il video assieme a noi e assaporare la voce di Maggie Reilly.

parte dei contenuti dell’articolo sono ripresi da wikipedia.

Traduzione:

L’ultima cosa che mai vide
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Lui passò su inquieto e vigile
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Perso in un fiume lo scorso sabato notte
Via lontano sull’altro lato
Preso nel mezzo di una lotta disperata
E non potevi trovare come passare

Gli alberi che sussurrano nella sera
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Canti una canzone di dolore e dispiacere
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Tutto ciò che hai visto era la silhouette di una pistola
Via lontano sull’altro lato
Colpito sei volte da un uomo in corsa
E non potevi trovare come passare

Io sto, io prego, vedo te in cielo via lontano
Io sto, io prego, vedo te in cielo un giorno

Quattro AM di mattina
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Ho guardato formarsi la tua visione
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
La stella ardeva in una notte argentata
Via lontano sull’altro lato
Forse tu vieni a parlarmi questa notte
Ma non potevi trovare come passare

Io sto, io prego, vedo te in cielo via lontano
Io sto, io prego, vedo te in cielo un giorno

Via lontano sull’altro lato
Preso nel mezzo di cento e cinque
L’ultima volta mai che l’hai visto
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
La folla lo ha lasciato andare
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Preso nel mezzo di cento e cinque
Via lontano sull’altro lato
La notte era pesante e l’aria era viva
Ma non potevi trovare come passare

Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Portato via da un’ombra del chiaro di luna
Via lontano sull’altro lato
Via lontano sull’altro lato