Industry | State of the Nation

State of the Nation è il titolo dell’unico successo degli Industry.

 

Il 1983 è l’anno di pubblicazione del singolo State of the Nation degli Industry, l’unico successo della band americana. Gli Industry si formarono nel 1978 con il nome di Industrial Complex, cambiato poi in Industry già nel 1979.


La band era formata da tre elementi, Mercury Caronia batterista, Sean Kelly cantante e Andrew Geyer chitarrista e compositore. Nel 1981 sia Andrew Geyer che Sean Kelly lasciarono la band e vennero sostituiti rispettivamente dal chitarrista Brian Madden Unger e dal cantante solista Jon Carin ai quali si aggiunse Rudy Perrone bassista.

Come dicevamo nel 1983 viene pubblicato il singolo State of the Nation incluso nel primo ed unico album Stranger to Stranger. Il singolo ottenne un grande successo in Europa, in Italia raggiunse il primo posto della Hit Parade, e in Asia, in particolare nelle Filippine, dove, al culmine della loro popolarità, voci mai confermate, riferirono che la maggior parte della band fosse scomparsa in un incidente aereo.

state-of-the-nationIl grande successo permise agli Industry di proporsi come gruppo d’apertura ai concerti di Billy Idol, Talk Talk e INXS. Il secondo singolo dell’album Still of the Night non ottenne lo stesso successo del primo singolo, così nel 1984 la band si sciolse.

Jon Carin intraprese la carriera da solista, musicista e autore di testi che lo portò a supportare molti artisti tra cui Brian Ferry e Pshychedelic Furs. Nel 1985 Brian Madden Unger insieme al cantante Shannon Rae Amoroso fondarono il gruppo MaddenRae di musica folk-rock. Perrone e Caronia continuarono separatamente creando gruppi musicali propri.

Guarda il video insieme a noi del successo degli anni 80 degli Industry.

Traduzione:

Li guardo partire per la guerra,
hanno un aspetto così eroico,
mi è stato detto che non staranno via molto a lungo,
Ma è una bugia, e loro lo sanno.
Sono partiti in diecimila, non torneranno,
A non rivederci mai più
Tutto ciò che impariamo sono giochi strategici,
Alla fine, loro dicono…

Non vi preoccupate della situazione,
(Un messaggio al telefono)
Sono lì fuori a combattere per il bene del Paese,
(E ad aspettare l’occasione di tornare a casa)
Sono sempre lontani a combattere con gli alleati,
(E ad accorgersi che combattono da soli).

Quando la notte sconfiggerà i ricordi dissolti in polvere,
Ci alzeremo di nuovo sulle nostre gambe
Questa guerra non ha nulla a che vedere con noi,
Ma in qualche modo ne siamo totalmente coinvolti.

Bene, non preoccupatevi della situazione,
(Un messaggio al telefono)
Sono lì fuori a combattere per il bene del Paese
(E ad aspettare l’occasione di tornare a casa).

Non vi preoccupate della situazione,
(Un messaggio al telefono)
Sono sempre lontani, a combattere con gli alleati,
(E ad accorgersi che combattono da soli).http://www.rewindottanta.it/wp-admin/upload.php

Nessun altro posto è come casa,
Nessun altro posto è come casa
Non c’è altro posto, non voglio essere da nessuna altra parte.

Nessun altro posto è come casa
Nessun altro posto è come casa,
Non c’è altro posto, ed io non voglio essere da nessuna  parte…

Non vi preoccupate della situazione,
Sono lì fuori a combattere per il bene del Paese,
Non vi preoccupate della situazione,
(Un messaggio al telefono)
Sono sempre lontani a combattere con gli alleati
(E ad accorgersi che stanno combattendo da soli)
Sono lì fuori a combattere per il bene del Paese
(E ad aspettare l’occasione di tornare a casa)
Sono sempre lontani a combattere con gli alleati
(E ad accorgersi che combattono da soli)

Nessun altro posto è come casa
Nessun altro posto è come casa
Nessun altro posto è come casa.